Organizzazioni di Volontariato

Le Organizzazioni di Volontariato sono state introdotte nell'ordinamento giuridico dalla legge 266/91 “legge quadro sul volontariato” (scaricabile dalla sezione "normativa"). Questa è destinata ad essere abrogata nel momento in cui il nuovo Codice del Terzo Settore entrerà completamente in vigore. Tuttavia le organizzazioni di volontariato, come associazioni riconosciute o non riconosciute, sono state riconosciute dal Codice come Enti del Terzo Settore, a cui sarà addirittura dedicata una specifica sezione del Registro Unico Nazionale del Terzo Settore.

 

Le associazioni per essere organizzazioni di volontariato devono possedere le seguenti caratteristiche:

  1. realizzare una o più attività di interesse generale,

  2. svolgere la propria attività prevalentemente a favore di terzi,

  3. avvalersi prevalentemente delle prestazioni gratuite dei propri associati,

  4. essere costituite da almeno 7 persone fisiche o da 3 organizzazioni di volontariato. Possono essere associati anche altri enti del terzo settore o senza scopo di lucro, a condizione che il loro numero non sia superiore al 50% delle ODV.

Le organizzazioni di volontariatodevono hanno la facoltà di assumere lavoratori dipendenti o di avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo o di altra natura, nel limite necessario al loro regolare funzionamento o nei limiti necessari per qualificare o specializzare l'attività svolta. Il numero dei lavoratori non può essere superiore al 50% del numero dei volontari.

 

Ai componenti degli organi sociali di un'organizzazione di volontariato, non può essere attribuito alcu compenso, salvo il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate per l'attività prestata.

 

Le organizzazioni di volontariato devono dotarsi di un atto costitutivo e statuto conforme alla normativa di settore  e sono tenute all'iscrizione negli appositi registri.

Giova sottolineare che le ODV di nuova costituzione sono tenute a rispettare i dettami introdotti dal nuovo Codice del Terzo Settore. Tuttavia, in attesa dell'entrata in vigore del registro unico nazionale del terzo settore, le organizzazioni di volontariiato si iscrivono nei registri vigenti alla data di entrata in vigore del Codice (agosto 2017), ossia i registri regionali di cui alla legge 266/1991.